Contattaci su WhatsApp

Booking on-line

Verifica disponibilità

Grotte e miniere

Per gli appassionati di Grotte Naturali o di Miniere, l’Hotel Clelia Logis d’Italia, di Deiva Marina è lieto di fornire
una piccola descrizione, delle opportunità più significative per conoscere la Liguria sotterranea, sia che si tratti di doni
della natura che frutto del duro lavoro dell’uomo per estrarre marmo, manganese, rame, ferro, oro, argento, ecc.

Nei dintorni di Deiva Marina:
In località Piazza, a 5 km. dalla nostra cittadina, si trova una miniera di rame ormai inutilizzata dal 1920.
A 4 km da deiva Marina, in località Foce del torrente Castagnola, nel territorio del Comune di Framura, esiste una miniera
di manganese che rimase aperta per pochissimi anni per esaurimento del materiale, a partire dal 1862.

Poco lontano in località Gea, c’è una piccola cava del pregiatissimo Marmo Rosso di Levanto, ancora oggi parzialmente attiva.
Sempre nel territorio di Deiva Marina, sulle alture del Passo del Bracco in località Pietra di Vasca, sono diventate ormai
famose le Creste di Gabbro, ad una quota di circa 800 m sul livello del mare, da dove si apre una vista spettacolare.

Tra Portofino e Cinque Terre:
Le Miniere di Gambatesa nel comune di Ne, in Val Graveglia, a pochi km. da Chiavari e da Lavagna.
E’uno tra i più grandi giacimenti di manganese a livello europeo.

Le Grotte di Pignone, situate nella provincia di La Spezia, e più precisamente in Val di Vara a nord delle Cinque Terre,
si trovano nella Zona Carsica vicina al monte Castellaro, decretata sito di importanza comunitaria.

Le Miniere di Rame di Libiola, a pochi km. da Sestri Levante, sono di origine antichissima, pare del 3.500 a.c.
La miniera non è visitabile ma si possono ammirare poco lontano le Sorgenti di Acque Blu, di colore turchese, dovuto alla concentrazione di solfato di rame.

La Grotta dei Gamberi, situata ad una profondità che varia dai 25 ai 40 metri in prossimità del monte di Portofino, Punta Chiappa e Camogli.
Le pareti sono tappezzate di Gamberi Parapandali, Aragostine, altri crostacei e Corallo Rosso.

Le Grotte della Val Frascarese, in località San Pietro di Frascati, vicino a Castiglione Chiavarese, Casarza Ligure, Sestri Levante,
con la Grotta delle Fate e la Grotta della Prima Ciappa, rappresentano un raro esempio di carsismo nella Riviera di Levante della Liguria. Verso la Toscana e le Alpi Apuane:

Le Grotte di Equi Terme sono situate nella provincia di Massa Carrara, a 80 km. da Deiva Marina,
con museo, percorsi didattici e acque termali calde, solforose e radioattive.

La Grotta del Vento, in Garfagnana e più precisamente nella provincia di Lucca,
è facilmente visitabile con tre percorsi diversi che possono durare da 1 a 3 ore.

Le Cave di Marmo di Carrara, sono famose da sempre per la qualità del marmo bianco che viene esportato in tutto il mondo.
Moltissimi scultori dell’antichità, realizzarono con questo marmo le loro opere migliori e tra questi il più famoso è certamente Michelangelo.
Sono visitabili con circuiti organizzati anche partendo da Colonnata, famosa per il lardo conservato in salamoia in vasche di marmo secondo le antiche tradizioni.

L’Antro del Corchia, a Levigliani di Stazzema nella provincia di Lucca, è uno dei più grandi sistemi di grotte carsiche esistenti.

Le Miniere dell’Argento Vivo, a Levigliani di Stazzema, in provincia di Lucca, si sviluppano su un percorso di 700 m.
dove si può rivivere la vita e il lavoro dell’antica miniera e vedere ancora la presenza del mercurio allo stato liquido.

Abisso Paolo Roversi: nel Complesso Carsico della Carcaraia delle alpi Apuane, in provincia di Lucca ed esattamente
nel comune di Minucciano, queste grotte sono le più profonde d’Italia e si spingono fino a 1350 metri di profondità.

Verso Genova e la Riviera di Ponente della Liguria:
La Miniera di Monte Linajuolo è situata nel comune di Rovegno nell’Alta val Trebbia.
Fu sfruttata addirittura dal Medioevo per estrarre minerali ferrosi come la pirite, la calcopirite ed in piccole quantità zinco, zolfo, rame, oro, arsenico.

Le Grotte di Toirano, in provincia di savona, sono aperte al pubblico dal 1953 e vi si effettuano interessanti visite guidate
per vedere le splendide sale ricche di stalattiti e stalagmiti, il cimitero degli orsi preistorici e le tracce dell’Homo Sapiens.

Le Grotte di Borgio Verezzi, in provincia di Savona, sono ricche di laghetti e e per la presenza di numerosi minerali, sono considerate tra le più colorate dItalia.

Le Grotte dei Balzi Rossi, nella provincia di Imperia, poco lontane dal confine con la Francia,
sono di un intenso colore rosso dovuto alla presenza di minerali ferrosi.
Le cavità più famose sono quelle dei Fanciulli, del conte Costantini, del Principe, della Barma Grande.

Le Grotte di Finale Ligure, in provincia di Savona, con resti del Paleolitico e del Neolitico, sono meno conosciute ma comunque interessanti.
I loro nomi sono La Caverna delle Arene Candide, e la Caverna della Pollera.

Albergo Clelia Logis d’Italia:
il nostro ufficio, potrà fornire all’arrivo del cliente informazioni turistiche dettagliate sulle possibilità di escursioni
per visitare grotte, miniere, musei, Borghi, sia che desideri spostarsi in auto, in moto, in treno, in bicicletta o a piedi.
Mappe, cartine geografiche, foto e depliant sono disponibili alla reception.
L’Hotel dispone di camere e suite con servizio B&B, mezza pensione, pensione completa e ristorante alla carta.
Case Appartamenti Vacanze ( CAV ), sono a disposizione del cliente che desidera essere autonomo, sia a Deiva Marina che nelle Cinque Terre.

Contatti e prenotazioni con booking online su questo sito o su www.hotelclelia.tel e www.hotelcleliabooking.com